This forum uses cookies
This forum makes use of cookies to store your login information if you are registered, and your last visit if you are not. Cookies are small text documents stored on your computer; the cookies set by this forum can only be used on this website and pose no security risk. Cookies on this forum also track the specific topics you have read and when you last read them. Please confirm whether you accept or reject these cookies being set.

A cookie will be stored in your browser regardless of choice to prevent you being asked this question again. You will be able to change your cookie settings at any time using the link in the footer.

Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
La verità sull'autonomia delle auto elettriche
#31
Buongiorno, discussione molto interessante.
Provo a dare il mio modesto contributo.

La considerazione di fondo è che l'auto elettrica, come tutte le cose, ha un suo campo di utilizzo (ottimale) ben preciso.

Ovvero da il meglio di sè in ambito urbano/metropolitano, dove la coppia istantanea e la gestione/rigenerazione dell'energia sono rispettivamente molto gratificanti e molto efficienti negli spostamenti a medio-bassa velocità e con molti stop and go.
Per non parlare delle emissioni locali nulle, manna per le nostre città.

Viceversa nei (lunghi) spostamenti autostradali, a velocità elevata (anche se da codice) e tendenzialmente costante, il vantaggi dell'elettrico in termini di prestazioni ed emissioni tendono ad affievolirsi.
Qui le trazioni endotermiche rimangono competitive e sensate.

Ciò a prescindere dall'autonomia, che secondo me allo stato dell'arte attuale è il penultimo problema (vedi oltre).

Ebbene, se gli spostamenti autostradali di medio-lunga percorrenza costituiscono una quota rilevante dei vostri spostamenti, l'auto elettrica non fa per voi.
Ora ma anche nel prossimo futuro.
A meno che l'auto elettrica sia solo una delle vostre due (o più) auto in famiglia.

Se invece questi spostamenti esistono ma rimangono confinati ad un 10-20% degli utilizzi chilometrici annuali, e potete/volete concedervi una solo auto, avete diverse possibilità prima di scartare a priori l'auto elettrica:
  1. Gestirvi gli spostamenti più lunghi ma saltuari, che a questo punto saranno tendenzialmente voluttuari/ricreativi (altrimenti si ricade nel caso di cui sopra, ovvero l'auto elettrca non fa per voi), con calma, in modo "slow". Ovvero facendo delle soste intermedie per conoscere il territorio, pranzare, prendervela comoda mentre ricaricate l'auto. Per un weekend lungo in montagna, es. da Milano alla Valle d'Aosta, all'andata potete fermarvi a cena in zona Ivrea per una ricarica veloce, poi ricaricare (a casa/in albergo, anche lentamente) in destinazione durante la permanenza, visitare un castello in bassa valle durante il ritorno ricaricando veloce. L'autonomia reale che vi serve non supera i 150 km.
  2. Noleggiare una altra verttura o scegliere un altro nodo di trasporto. Qui si entra nel mondo dello "sharing", del "mobility as a service", ma anche del noleggio tradizionale. Basta organizzarsi, e nel caso potete scegliere la vettura che più vi soddisfi (es. una 4x4 in inverno, una famigliare per andare al mare col canotto ecc.)
  3. Prendere una ibrida plug-in, utilizzabile in elettrico per gli spotamenti quotidiani urbani e di breve cabotaggio, e in termico negli spostamenti più lunghi.
    Qui si aprono tutta una serie di considerazioni che non affronterò qui.
Aggiungo un paio di elementi.

Autonomia vs rete di ricarica
Il punto secondo me è la disponibilità dei punti di ricarica.

Requisito findamentale, è avere una ricarica domestica.
Le nuove tariffe elettriche hanno reso molto più vantaggioso rispetto al passato avere una potenza installata maggiore dei canonici 3kW, e la tariffa unitaria a consumo non è più progressiva (ovvero è costante per qualsiasi livello di consumo).
Ebbene, una wallbox da 3,5 kW o meglio da 7kW monofase è tutto quello che vi serve per una ricarica lenta notturna.
Ricordiamoci che si tratta sempre di rabbocchi, non si tratta di ricaricare tutte le notti tutto il pacco batterie.
Attenzione: se non potete attrezzarvi per una ricarica domestica (o in alternativa sul posto di lavoro), l'auto elettrica non fa per voi.
Né ora, né mai: fidatevi.

Per il resto, servono colonnine veloci lungo gli assi di lunga percorrenza.
Una rete ben congegnata (ovvero una maglia con punti di ricarica ogni 150km) è molto più importante rispetto alla corsa verso autonomie crescenti (che comportano pacchi batterie ingombranti, pesanti e costosi).
200-250 km di autonomia reale, ovvero batterie da 40kWh è tutto quello che serve. 

Terzo elemento, probabilmente il principale ostacolo attuale alla diffusione dell'auto elettrica (che non è l'ansia da autonomia, e solo marginalmente - a tendere - i costi elevati soprattutto se si smette a rincorrere pacchi batterie spropositati) è che l'utilizzo delle ricariche pubbliche è TROPPO complicato.
Diversi standard, diversi gestori, diverse modalità di pagamento (tessere, abbonamenti, app) che non si parlano, nessuna mappa completa di punti di ricarica (trovare la colonnina più vicina, quando serve, richiedere risolutori più che abili), roaming embrionale.

Una rete di ricarica ben fruibile permette di farsi bastare l'autonomia e limitare i costi delle auto eletriche (il cui delta di costo rispetto alle auto tradizionali sono le batterie: perchè trascinarsene a bordo e pagarne più di quanto serve?)

Dimensioni
Non mi sembra sia stato ancora affrontato questo aspetto.
Attualmente (ma non necessariamente in futuro) le auto elettriche in commercio sono medio piccole (segmento B o C, per intenderci).
L'ingombro (e il peso) delle batterie è tale per cui la dimensione delle auto e lo spazio a bordo, soprattutto per i bagagli, non sono elevatissimi.
Un motivo in più, anzi forse il principale, per sconsigliare l'utilizzo dell'auto elettrica per gli spostamenti ricreativi di medio-lungo raggio.


Spero sia utile alla discussione!
[-] The following 6 users Like Simoprius's post:
  • Calpietzo, carlo74, dfecia, George, matic, Nicholas
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#32
Un'altra questione interessante, a mio avviso, sempre a proposito dell'autonomia delle auto elettriche può essere il consumo in salita.
Sembra una stupidaggine ma non lo è: se devo raggiungere una località con altitudine maggiore di quella di partenza, di quanto devo maggiorare il consumo (o il calo di autonomia) per essere sicuro di arrivare a destinazione?
Esempio pratico. Per raggiungere una località di montagna a 2000 metri, ho un dislivello di 1700 metri su un percorso di 90 km (di cui metà pressoché in piano e il resto in salita). Se ho un'auto elettrica che in piano, a pari velocità media, mi garantisce 250 km di autonomia, come posso fare a sapere se mi consente di raggiungere anche quella località di montagna?
So che in discesa si recupera tutto, ma sarebbe fondamentale sapere se si arriva a destinazione, anche considerando la scarsità di colonnine di ricarica sulle tipiche strade di montagna...  Smile
La mia ex Leoncina:

I miei consumi extraurbani con la Auris (da Computer di Bordo).
[-] The following 2 users Like dfecia's post:
  • alkimista53, Piomba11
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#33
Per fare il dislivello richiesto considerando una massa di circa 1500 kg servono da un punto di vista energetico circa 7kwh aggiuntivi, trascurando tutte le eventuali perdite di rendimento eventualmente anche aggiuntive.
[-] The following 1 user Likes Piomba11's post:
  • Top
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#34
Io credo che TESLA a conti fatti ad oggi conviene solo a chi abita nel nord- nord est sel paese, inquanto la rete super charger copre pienamente il nord, per coprire intendo che con una ricarica piena da casa si arriva tranquillamente ad un super chrger per poi proseguire il viggio sfruttando appunto i super chrger dislocati sul traggitto di viaggio. A sud e nel centro, non è detto che si riescano a percorrere con la sola ricarica notturna i km necessari al raggigungimento del super charger più vicino, a meno che non s'intenda fare una deviazione di 200 km. A questo punto per i più sarebbe da valutare il prezzo su strada della Model 3, confrontandolo con il prezzo su strada della concorrenza, sensa considerare i super charger che comunque sono una spinta in più ma cha attualmente non mi sembra che coprino il 100 % del territorio (con percorrenze al di sotto dei 120 Km) . Se la Moedl 3 arrivaerà in Italia con un prezzo su strada di circa 45.000 euro probabilmente sarà un'ottima alternativa alle varie zoe, ampera, leaf e ioniq ovviamente tutte con baterie di proprietà. Inoltre per Tesla va considerato un'altro fattore, ossia l'assenza di punti di consegna, a quanto ho capito sono solo al nord, Milano e Padova, giusto ? Le altre hanno una rete di concessionari con copertura a tappeto sul territorio.
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#35
(25-08-2017, 07:20 )Top Ha scritto: Vero, però guarda il mio caso: 4 tratte al giorno di 8km, diciamo 8kWh con un'elettrica, ad essere pessimisti? L'energia contenuta in 1 litro di benzina, ti garantisco che al momento ne brucio più del doppio, con una ibrida! E anche pagando l'energia cara, risparmierei.



Oppure tappezzo la falda sud del tetto dell'ufficio di pannelli fotovoltaici e butto l'eccedenza di produzione nel mio accumulo semovente! Più Smart Grid di così..

Beh tu che fai 8km * 4 avresti un buon risparmio con una plugin, quindi, puro elettrico per i tratti lavorativi, benzina per i tratti più lunghi.

Accumulatore semovente? Hai un ups con le rotelle? Ahaha
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#36
(25-08-2017, 07:48 )Andrea Ha scritto: Se pensi di fare una media di 130 km in un ora viaggiando a 130, ti sbagli di grosso. 

Hai sicuramente ragione, in autostrade trafficate si trova il pirla (e pirla é poco) che fa i 100 in seconda corsia con la terza libera. A me piace superarli a destra e guardarli, ogni tanto qualcuno capisce che il consiglio del "occupa sempre la corsia a destra libera" non é un consiglio ma un fatto di permettere a chi è più veloce di passarti a sinistra.

Come ho trovato la signora agli 80km/h con cellulare in mano in terza corsia, che viaggiava alla stessa velocitá di un'altra persona in seconda corsia, ho dovuto fare slalom terza prima terza corsia.

Però vabbé, fosse per me gli toglierei la patente. Non per il cellulare alla guida, ma per l'arroganza che ci mettono, si sentono in diritto di infastidire gli altri, evidentemente si considerano delle divinitá in terra.

L'altro giorno ho fatto la brebemi, 130km/h costanti, prima corsia, non c'era nessuno, stupendo!!
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#37
L'accumulo diventerebbe la batteria dell'auto, i classici due piccioni con una fava. È risaputo che ad oggi l'accumulo col FV non conviene, ma se azzeri i costi delle batterie (perché le hai già pagate con l'auto) conviene eccome.
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#38
(25-08-2017, 08:11 )roberto72 Ha scritto: A padova è già aperto da qualche giorno.

Mi sa che devi rifare i conteggi, perchè ai Supercharger, SE non li hai gratuiti a vita, paghi 0,25€ a kWh Wink_smilie

Confermo che é giá aperto.

Guarda, io ho sempre sentito in giro, da tutti i recensori di auto, che si pagano 40€ cent. Forse più probabilmente mi sbaglio con le colonnine enel e altri gestori.

Più che altro 25€ cent sono praticamente quelli che spendi a casa, ma hai le potenze decisamente piú alte, a rischio perdita.
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#39
(25-08-2017, 08:17 )Linus Ha scritto: L'esenzione non è permanente. Con l'eccezione delle pochissime regioni che così hanno stabilito.
Beh ti ringrazio, non si finisce mai di imparare.
Ho controllato ed effettivamente è esente, per un periodo, poi paghi, perchè giustamente essendo una tassa di possesso sul veicolo, ti devono tartassare sempre e comunque.
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#40
Ad essere corretti poi paghi, dove paghi, ma solo il 25% dell'equivalente dovuto se avessi un motore termico.
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Colonnine elettriche di ricarica in VDA robikinkela 5 708 19-09-2017, 08:48
Ultimo messaggio: Carlo A.
  Anche toyota produrrà auto elettriche? arabykola 55 6.929 05-09-2017, 10:42
Ultimo messaggio: hpx
  Auto elettrica solare Sion, debutto sul mercato entro il 2018 - GreenStyle berna7 15 3.255 27-07-2017, 03:20
Ultimo messaggio: Battery Drain
  Auto Elettriche SI/NO vostri parei e motivazioni. George 111 14.350 15-06-2017, 07:02
Ultimo messaggio: Nicholas
  Batterie auto elettriche Prius64 6 1.216 05-06-2017, 11:23
Ultimo messaggio: presmanno
  Conversioni di vecchi rottami in auto elettriche omologate arabykola 48 3.583 24-05-2017, 05:07
Ultimo messaggio: MauroneRelax
  La nuova ZOE con autonomia 400 Km che ne pensate? George 24 5.812 05-03-2017, 05:10
Ultimo messaggio: geronimus
  Ma dove va il futuro dell' auto elettrica connessa? George 0 1.006 15-02-2017, 11:06
Ultimo messaggio: George
  Auto elettriche non tedesche acquistabili in italia MauroneRelax 12 2.427 11-01-2017, 04:13
Ultimo messaggio: Carlo A.
  Ricarica auto dai lampioni stradali Maxwell61 11 1.763 20-10-2016, 02:22
Ultimo messaggio: tamerlano

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)