This forum uses cookies
This forum makes use of cookies to store your login information if you are registered, and your last visit if you are not. Cookies are small text documents stored on your computer; the cookies set by this forum can only be used on this website and pose no security risk. Cookies on this forum also track the specific topics you have read and when you last read them. Please confirm whether you accept or reject these cookies being set.

A cookie will be stored in your browser regardless of choice to prevent you being asked this question again. You will be able to change your cookie settings at any time using the link in the footer.


Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Anche toyota produrrà auto elettriche?
#11
https://ssl.toyota.com/mirai/fuel.html

Ripeto,Toyota ha le idee,con le quali portare avanti questo progetto.

Io ci credo.
Contribuisco a rendere l'aria un po' piu' respirabile, grazie a Toyota
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#12
Credici pure Biggrin2

Io finchè non vedo un processo eco ,su larga scala e non sperimentale,aspetto
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#13
Non mi piace la posizione di mr muschio.

Mica che abbia torto o ragione. Ma questi imprenditori 'venditori' si scordano facilmente del rispetto. Atteggiamenti sbruffoni oggi creano proseliti.
hybrid
Gasato.!
[-] The following 3 users Like inge77's post:
  • Eux, MMARCO, Prius64
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#14
Evidentemente c'è molta confusione sia riguardo la produzione di energia elettrica sia per l'idrogeno, dato il vasto argomento cercherò di trattare gli argomenti principali.

ENERGIA ELETTRICA : Per quanto riguarda il "rifornimento" delle auto elettriche basta fare un rapido calcolo. Per far si che le auto elettriche non producano Co2 dovrebbero essere ricaricate con la sola energia rinnovabile, ma nel bilancio energetico è impossibile. Tranne i paesi scandinavi e altri piccoli stati (per ovvie ragioni geografiche) nessun paese riesce a garantire che il 100% della sua energia derivi da fonti rinnovabili. Al massimo si arriva a una media annuale del 40% in Europa, 20% negli Stati Uniti e uno scarso 13% in Cina (maggior inquinatole del mondo). Anche a pensare che chiunque acquisterà una auto elettrica possa stipulare un contratto "verde" di conseguenza non "lascerà niente" alle industrie e alle attività commerciali (visto che la matematica non è una opinione) quindi si inquinerà lo stesso. Se poi contiamo che già oggi molte aziende hanno stipulato contratti verdi la quota è ancora più bassa. E' solo uno spostamento del problema, perchè la continua richiesta di energia è esponenziale rispetto alla avanzata di nuove fonti rinnovabili, sempre che un paese le abbia. Oggi addirittura negli Stati Uniti, rilevazione DOE : Dipartimento dell'Energia Americano, dice che negli stati centrali americani per ricaricare una auto elettrica si produce più Co2 a km rispetto ad una auto ibrida (es. Prius) dato che il 68% delle centrali va a carbone. In Germania per esempio sono state approvate 4 nuove centrali sempre a carbone per sopperire allo smaltimento di quelle troppo costose nucleari. In Cina peggio che andar di notte.

IDROGENO : La percentuale riportata del 95% prodotto per combustibili fossili è vera ma a livello industriale, e questo per 2 semplici motivi. Primo è che l'idrogeno è essenziale per la raffinazione dei carburanti, quindi le industrie petrolifere si sono "ritrovate in casa" gratis gli elementi (sopratutto gas) per poterlo ricavare il che non è male visto che nella scomposizione si produce meno gas serra che bruciarli direttamente, secondo perchè l'idrogeno e derivati sono fondamentali in quasi tutti settori industriali compreso quello alimentare e medico. Oggi si è aggiunto anche il settore trasporti. Quindi trovare metodi per ricavare idrogeno verde non è solo una questione "automobilistica", ecco perchè oggi si dice "Società all'Idrogeno". Oggi in Europa il 100% dell'idrogeno per autotrazione viene generato da fonti rinnovabili. In Germania si sfruttano gli enormi parchi eolici del mare del nord come Baltic1 da 48 Mw e Baltic2 da oltre 200 Mw sfruttando l'energia che andrebbe persa. Persa perchè il vento soffia anche di notte o nelle ore dove la richiesta è minima quindi sarebbe stupido spegnere le pale. Anche se servono circa 43kwh per produrre un kg di idrogeno è tutto grasso che cola visto che è "gratis" e si può immagazzinare meglio di una batteria che arriva ad una ricola cifra di 220 Watt x Kg. Questo idrogeno accumulato in grandi quantità in serbatoi a temperatura ambiente o in caverne come si fa da tempo per le scorte di gas naturale può essere impiegato nelle centrali cosiddette Ibride per ogni evenienza : rigenerare energia elettrica nei picchi di richiesta senza inquinare, mischiato nel gas di riscaldamento abbassando di molto il C02 per bruciarlo, per il settore trasporti. Da considerare poi che i veicoli industriali come Tir, autobus da turismo, furgoni di ogni genere, mezzi pesanti come camion movimento terra, della pattumiera e chi ne ha più ne metta è impossibile dotarli di batterie performanti (volume, peso, costo), che non facciano perdere tempo nel rifornimento e quindi redditività. Ma l'idrogeno viene ricavato anche usando il geotermico (es. Svezia, Danimarca), negli Stati Uniti e in Giappone invece viene anche ricavato dai nuovi impianti di tri-generazione (energia elettreica - idrogeno - calore) totalmente autonomi sfruttando le acque reflue (ovvero l'acqua che abbiamo utilizzato in casa nostra compresa la fogna) e da impianti che trattano la spazzatura. Mentre di prossima costruzione, o step, saranno i mini-distributori (da circa 9 metri quadri) dove l'idrogeno viene direttamente generato da eolico e solare mediante pale e pannelli di ultima generazione. Potranno ricaricare al massimo 30-40 auto al giorno ma essendo piccoli costano relativamente meno e saranno più numerosi, sono completamente automatizzati e  potranno essere messi in qualunque punto della città occupando appunto un'area ridotta. 

Riassumendo ogni tecnologia ha le sue caratteristiche e sarà impiegata in base al contesto sociale, morfologia del territorio, disponibilità di risorse. Toyota a quanto pare è una delle poche che può soddisfare qualunque tecnologia "verde" che il cliente o il mercato possa richiedere.
La conoscenza non serve a nulla se non viene condivisa.

[-] The following 9 users Like hpx's post:
  • aleraga84, arabykola, Laevus, MauroP, MMARCO, Nicholas, Prius64, valium64, Zotto
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#15
Appunto
Scartare l elettrico solo perché lo dice munsk mi pare superficialeBiggrin2

In norvegia è entrato in servizio il primo traghetto elettrico
Si,traghettoBiggrin2

In svizzera girano già camion elettrici Wink_smilie
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#16
Concordo con altri che Musk è un abbindolatore e pure superficiale.
Si fa paladino di "salvare" il mondo andando nelle università dicendo che l'uomo è stato un pazzo ad utilizzare fino ad ora i combustibili fossili. Ma se l'uomo in meno di 100 anni ha compiuto un salto evolutivo 1000 volte maggiore che in tutta la storia dell'uomo si deve proprio ai combustibili fossili e la ricchezza che ha comportato. Quindi il signorino senza le scoperte scientifiche, le tecnologie, i computer e tutti i materiali innovativi, impossibili senza l'utilizzo dei combustibili fossili, ora sarebbe in una foresta con arco e frecce per procurarsi da mangiare oltre a non aver potuto fare quello che ha fatto. E' talmente coerente che elogia la Norvegia come "paese fantastico", peccato però che per finanziare la sua "società elettrica" con relative agevolazioni utilizza interamente i proventi del petrolio estratto nel mare del Nord, e non contenta ha rivendicato alcune zone dell'artico nelle quali sta trivellando in lungo e in largo.
Si sta comportando ne più ne meno di qualsiasi industriale dove il profitto arriva prima di tutto, altro che salvare il mondo. Perché se era così avrebbe creato un consorzio, come hanno fatto i maggiori produttori con l'idrogeno, per avere politiche comuni. Come creare uno standard per i sistemi di ricarica, creare postazioni di ricarica comuni, ecc.ecc.
Il traghetto di cui parli non è così efficiente come si pensa. Visto che per ricaricare le batterie tra un tragitto e l'altro servirebbe una energia tale da far rimanere a secco i 2 paesi sulle due sponde, così la centrale elettrica che le serve immagazzina la corrente in 2 mega batterie sempre sulle 2 sponde durante la notte in cui il traghetto è fermo. Durante il giorno le batterie aiutano nella ricarica e non prosciugano i 2 paesi.
San Francisco ha in programma nel 2018 di rimpiazzare i suoi traghetti con quelli a idrogeno, è in costruzione un mega distributore al Pier 54 che li rifornirà di idrogeno.
Il camion in svizzera è della Coop e serve a rifornire i supermercati, è un camion di medie dimensioni, ha una batteria di 120 kwh (oltre 700 kg) e una autonomia di 120 km in piano ma dato il peso con il recupero di energia nelle frenate raggiunge i 150 km. Giusto giusto per il territorio svizzero. In Italia sarebbe improponibile fare si è no un viaggio al giorno. Un Tir a idrogeno, che sta subendo dei test, ha una autonomia a pieno carico di almeno 300 km e si ricarica in 10 minuti a 350 atmosfere.
La conoscenza non serve a nulla se non viene condivisa.

Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#17
Devi deciderti peró

Munsk è il diavolo mentre chi ti costringe a utilizzare gasolio e benzina al posto di metano e gpl è un santo ? Biggrin2

Praticamente tutto quello che va a combustibile fossile ,benzina o gasolio,puó andare a metano o gpl

Infatti la praticamente totalità degli impianti di riscaldamento è a metano
E pure le centrali di generazione elettrica sono a turbine a metano

Peró non ci sono distributori dal centro italia in giù Biggrin2

Ed è una "tecnologia" disponibile da 40 anni almeno

Tutti vanno "a businness"

Ma da qui a santificare chi ci spaccia benzina e gasolio facendoci credere sia l unico propellente disponibile ce ne passa eh Biggrin2

Toyota ha capito che SOLO con l idrogeno perderebbe una bella fetta di mercato
Xkè pure in toyota non campano di aria Biggrin2
Devono vendere e fatturare e incassare
E visto che la rete nonché il mercato dell auto elettrica è in piena esplosione
Grazie a munsk Biggrin2
Ha pensato ,bene secondo me, di intraprendere tale strada

Con buona pace dei puristi...ma anche toyota deve far utili Biggrin2
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#18
Vorrei ricordare che il tema è Toyota che PARE entri nel mercato dell auto full elettrica

Grazie Smile
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#19
lo metto da una´altra parte
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:
#20
Toni stonati.
hybrid
Gasato.!
Thanks given by:
Cita messaggio
Thanks given by:


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Toyota e l'auto elettrica Prius64 7 212 2 ore fa
Ultimo messaggio: robikinkela
  Quello che non ti hanno mai detto dell’ auto elettrica. George 29 1.581 14-11-2017, 10:03
Ultimo messaggio: Fabio3
  Model 3 un iPad con le ruote una auto tutta touch George 21 1.451 20-10-2017, 12:24
Ultimo messaggio: MMARCO
  La verità sull'autonomia delle auto elettriche Nicholas 93 6.019 11-10-2017, 10:40
Ultimo messaggio: NickM
  Colonnine elettriche di ricarica in VDA robikinkela 5 1.129 19-09-2017, 08:48
Ultimo messaggio: Carlo A.
  Auto elettrica solare Sion, debutto sul mercato entro il 2018 - GreenStyle berna7 15 3.848 27-07-2017, 03:20
Ultimo messaggio: Battery Drain
  Auto Elettriche SI/NO vostri parei e motivazioni. George 111 15.354 15-06-2017, 07:02
Ultimo messaggio: Nicholas
  Batterie auto elettriche Prius64 6 1.303 05-06-2017, 11:23
Ultimo messaggio: presmanno
  Conversioni di vecchi rottami in auto elettriche omologate arabykola 48 3.981 24-05-2017, 05:07
Ultimo messaggio: MauroneRelax
  Fiat 500 elettrica anche in Italia George 10 2.486 24-04-2017, 09:03
Ultimo messaggio: Nicholas

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)